Home Biblioteca del trader Che cosa determina il prezzo

Biblioteca del trader

Che cosa determina il prezzo

Che cosa determina il prezzo

Prezzo è l’espressione del costo dei beni in termini di denaro. La prospettiva di suoi cambiamenti è un fattore fondamentale nella decisione di acquisto o vendita di strumenti finanziari sul Forex. Se ci sono i presupposti per la crescita dei tassi delle diverse valute, si consiglia di acquistarle. Se in futuro si prevede di cadere, allora bisogna vendere.

Il trader, per poter tranquillamente prendere le decisioni di trading giuste, ha bisogno di sapere come si crea il prezzo, e che colpisce i suoi cambiamenti. Secondo la regola principale della teoria di Dow Jones, il prezzo tiene conto di tutto: cambiamento del valore di uno strumento finanziario dipende da tutti i tipi di fattori — economici, politici, sociali, naturali, e così via. E’ quasi impossibile considerare ciascuno di essi, quindi sicuramente c’è qualche rischio di prendere la decisione sbagliata che accompagna entrambi i principianti e partecipanti con esperienza nel mercato valutario.

Se rifiutiamo i fattori esterni e valutiamo soltanto le concetti di base della creazione dei prezzi delle materie prime, in un libero mercato questo valore dipende dal livello della domanda e dell’offerta sul mercato. Offerta è un ammontare complessivo di un particolare strumento finanziario, che viene offerto in vendita ai commercianti. La domanda è il numero totale di richieste per l’acquisto del dato lotto da parte di potenziali acquirenti.

Se la domanda di moneta o di un altro strumento finanziario aumenta, e il numero di sue proposte nel mercato è in declino, il prezzo è destinato a crescere. Se invece si nota il declino di domanda a fronte della crescente offerta, il prezzo scenderà. Quando l’offerta e la domanda non cambiano particolarmente una riguardo all’altra, significative fluttuazioni dei prezzi non ci si aspetta. Questi sono i principi di base di creazione prezzi in qualsiasi mercato, anche per quanto riguarda Forex.

Cos’è lo spread

I venditori e gli acquirenti mettono i prezzi, su quali sono pronti acquistare o vendere un determinato strumento finanziario. La differenza tra il prezzo dichiarato per l’acquisto e la vendita dello strumento si chiama spread. Per immagginare meglio ciò che è lo spread, basta guardare su uffici di cambio. Tassi di acquisto e vendita di una valuta hanno diferenza di alcuni punti. La differenza (spread) è il guadagno di uffici di cambio e delle banche. Allo stesso modo, i broker guadagnano sui mercati valutari. Tuttavia, la differenza tra domanda e offerta è molto più meno che in cambio.

Per esempio, la quotazione della coppia di valute EUR/USD è 1,2136/1,2139. Ciò significa che in questo momento l’euro può essere acquistato al prezzo di 1.2139 dollari di Stati Uniti, e venduto al prezzo di 1.2136 dollari di Stati Uniti. In questo caso, lo spreaad è: 1,2139-1,2136 = 3 punti. Se un partecipante al Forex trading non vuole comprare o vendere valuta al prezzo corrente, mette il suo proprio e sta in attesa che il prezzo cade o cresce fino al marchio desiderato.

Il valore dello spread dipende da tre fattori principali

  • Liquidità di moneta — nelle coppie di valute di base il valore di spread di solito varia non di più di 10 punti, mentre la cifra corrispondente nelle coppie esotiche può essere fino a diverse decine di punti.
  • La situazione nel mercato — in periodi di scambio attivi associati con l’emergere di notizie importanti, il valore di solito aumenta.Fluttuazioni significative di questo valore si registrano anche nei periodi contrassegnati di declino del mercato.
  • Politiche dei Broker — ogni broker ha una propria visione dello spread ottimale. Alcune aziende tendono a fare più soldi sulla differenza dei tassi, mentre altri prendono più in considerazione gli interessi dei clienti.

Cos’è la volatilità

Volatilità è una misura che riflette la gamma media di oscillazione dei prezzi di valuta o altro strumento finanziario per un certo periodo del tempo. La volatilità è uno dei fattori principali da considerare agli operatori coinvolti nel commercio sul Forex. Questo valore dipende dal livello di attività di trading, così come l’entità dello squilibrio tra domanda e offerta di moneta determinata.

La volatilità più alta hanno quelle coppie di valute, che sono molto popolari nel mercato e movimenti di prezzo di cui sono chiaramente espressi. Sono questi le coppie di moneta del massimo interesse per gli operatori, chehanno intenzione di ottenere profitti sulla differenza dei tassi.

La volatilità di valute Forex cambia durante il giorno. Ciò è dovuto alla variazione di attività di trading durante diverse sessioni di trading. In conformità con l’UTC/GMT, orari di sessioni di trading di diverse regioni sono seguenti:

Sessione Asiatica

  • Tokyo — 23:00-08:00
  • Singapore, Hong Kong — 00:00-09:00

Sessione Europea

  • Francoforte, Parigi, Zurigo — 07:00: 16:00
  • Londra — 08:00-17:00

Sessione Americana

  • New York – 13:00-22:00
  • Chicago — 14:00-23:00

Sessione del Pacifico

  • Wellington — 20:00-05:00
  • Sydney — 22:00-07:00

Sessioni americana ed europea, di norma, sono caratterizzate da maggiore volatilità. Inoltre, l’intensità di fluttuazioni dei cambi dipende dal giorno della settimana, mese o stagione. Per esempio, in mezzo della settimana o del mese la volatilità generalmente è più elevata; d’estate c’è di solito un calo, e l’aumento d’inverno. Tuttavia, questi ritmi non sono «di ferro» perché il grado di volatilità è influenzata da molti fattori (comparsa di importanti notizie, fattori economici tali processi politici, etc.).